Origini » Civiltà Nazca › Coyolxauhqui › Tezcatlipoca › Tiwanaku » Storia

Personaggi e vicende storiche ››

  1. Civiltà Nazca
  2. Coyolxauhqui
  3. Tezcatlipoca
  4. Tiwanaku
  5. Civiltà Wari
  6. Atahualpa
  7. Sacsayhuaman
  8. Tulum

Antiche origini ›› Suoi personaggi storici e luoghi

≪≪≪ ◄► ≫≫≫
[ 1 ]

Civiltà Nazca

Origine e storia
da Mark Cartwright

La civiltà Nazca fiorì sulla costa meridionale del Perù tra il 200 A.C. e 600 CE. Si stabilirono a Nazca e altre valli circostanti con i loro principali siti religiosi e urbani di Cahuachi e Ventilla, rispettivamente. La cultura è notata per il suo distintivo ceramiche e tessuti e forse soprattutto, per i geoglifi fatto sul pavimento del deserto comunemente nota come linee di Nazca. Questi possono essere linee semplici, interamente cancellati, o animali e figure tracciate in muta, e, dato che coprono diversi chilometri, sono meglio apprezzate dall'aria.

Panoramica

La Nazca erano insieme e poi outlasted, la cultura Paracas e Paracas molti siti sono stati scoperti sotto gli insediamenti Nazca. Politicamente, la civiltà di Nazca è stata descritta come un insieme di chiefdom occasionalmente che agisce all'unisono per interesse reciproco, piuttosto che come un unico stato unificato. O come dice M.E. Moseley, "individualità - con coerenza cultura, ma senza potere su larga scala o integrato - erano segni distintivi di Nazca". Questa interpretazione è rafforzata dall'arte e architettura di Nazca che Visualizza temi comuni tra gli insediamenti, ma allo stesso tempo c'è una generale mancanza di urbanistica uniforme o prove di centralizzazione. La popolazione massima della Nazca è stata stimata di 25.000 persone, si sono diffuse attraverso piccoli villaggi che in genere sono stati costruiti sulle colline terrazzate vicino pianure irrigate.
Come si sono sviluppati, la Nazca estesa la loro influenza nella valle del Pisco nel nord e la valle di Acari nel sud. Inoltre, come i lama, alpaca e vigogna non sopravvivere nelle zone costiere l'uso della loro lana in tessile di Nazca è la prova che il commercio è stato stabilito con le culture dell'altopiano. Inoltre, Nazca mummie sono state scoperte da portare copricapi realizzati con le piume degli uccelli di foresta pluviale, ancora una volta, che illustrano che le merci sono stati scambiati attraverso grandi distanze.
La Nazca hanno lasciato in eredità dell'immaginario distintivo sulla loro ceramica, tessile e attraverso il pavimento del deserto del Perù.
Tombe, spesso inseriti fino a 4,5 metri di profondità e vi si accede tramite un albero, sono la fonte più ricca di manufatti di Nazca e rivelano molti aspetti della cultura. Tessuti e porcellane pregiate sono stati sepolti con i morti e senza distinzione particolare tra sepolture maschili e femminile. Il defunto è mummificato, accuratamente avvolto in tessuti e solitamente collocato in posizione seduta, teschi a volte visualizzare allungamento deliberata e sappiamo che la Nazca indossava tatuaggi. Tombe, soprattutto quelli rivestiti con mattoni di fango, di albero potrebbero essere riaperti e aggiunto più mummie, forse ad indicare il culto degli antenati. Cache del Trofeo-teste accompagnano spesso la mummia, molti segni di trapanazione , che ha permesso diversi per essere infilate su un singolo cavo, come illustrato nei disegni di ceramica. Trofeo-teste sono anche frequentemente integrate di disegni tessili, soprattutto in miniatura e come decorazione del bordo. C'erano anche le sepolture di che cosa sembrano essere vittime sacrificali. Questi hanno gli occhi bloccati ed escremento è stato disposto in bocca che poi è stata appuntata chiusa con aghi di cactus. In alternativa, la lingua è stato rimosso e conservata in un sacchetto di tela.
Indebolito da una siccità di lunga generazione nel 5 ° secolo D.C., la Nazca erano finalmente conquistata dal Wari - che ha assunto molte delle loro caratteristiche artistici - e insediamenti di Nazca, da allora in poi, mai rosa di là di status di provincia.

Ventilla

Ventilla fu la capitale urbana di Nazca e coperti oltre 2 chilometri quadrati (495 acri) e comprendeva tumuli cerimoniali, murate corti e a schiera alloggiamento. Per combattere la minaccia sempre presente di siccità il Nazcans costruito una vasta rete di metropolitana acquedotti, gallerie e cisterne per garantire una buona fornitura di acqua durante la stagione secca e minimizzare evaporazione. Questi erano raggiungibile con rampe a spirale discendente impressionante e foderati con ciottoli di fiume.

Cahuachi

Fondata c. 100 A.C., Cahuachi, sulla riva sud del fiume di Nazca, a 50 km nell'entroterra, era un luogo di pellegrinaggio e la capitale religiosa di Nazca. Era probabilmente in primo luogo considerato sacro, perché era una delle poche località con un'alimentazione di acqua garantita tutto l'anno. La mancanza di architettura domestica indica che non è stato utilizzato come luogo di abitazione.
Il sito sacro copre 11,5 chilometri quadrati (2.841 ettari) e ha circa 40 Monticelli grande adobe che approfitta delle colline naturali. Il tumulo più grande, conosciuto come il grande tempio, è alto oltre 20 metri. Tutti i tumuli hanno una piazza adiacente e sono sovrastati da muri di adobe. La piazza più grande misura 47 x 75 metri. Un basso muro, 40 cm di altezza, circondato il recinto sacro principale. Post e postholes attraverso il sito suggeriscono baldacchini adoratori al riparo dal sole. Tessile scene suggeriscono anche che raduni religiosi sono stati collegati al raccolto Festival e mucchi di spazzatura che consistono principalmente di cocci di ceramica presso il sito indicano festa rituale. Questa spazzatura è stato volutamente lasciata così che è diventato una parte del tumulo. Di conseguenza, il più grande tumulo, quanto più era stata usata nei rituali. Alcuni tumuli conteneva anche sepolture e grandi vasi contenenti tessuti pregiati dati come offerta religiosa.
Più dettagli delle cerimonie religiose che possono sono state effettuate presso Cauachi sono raffigurati nell'arte di Nazca, soprattutto su ceramica, e molte sono le scene che coinvolgono gli sciamani. Queste figure religiose, in uno stato di trance indotta da farmaci, ha fatto appello agli spiriti della natura per garantire condizioni favorevoli per abbondanza agricola. Musica era una parte importante di questi riti, come dimostra l'abbondanza di ceramica tamburi e panpipes nel record archeologico. Il Dio principale di Nazca sembra essere stato l'essere Oculate che in arte è rappresentato come una figura di divinità volante indossando le stringhe del Trofeo-teste. Egli è spesso raffigurato in ceramica e disegni tessili in posizione orizzontale con le fiamme che scorre dal suo corpo. Grandi occhi sbarrati e una lingua di serpente-come sono altre caratteristiche tipiche.

Linee di Nazca

La Nazca ha disegnato linee e geoglifi attraverso deserti e le colline che erano disegni stilizzati di animali, piante e gli esseri umani o linee semplici che collegato luoghi sacri o punta alle fonti d'acqua circostanti. Loro scopo esatto è disputato, ma la teoria più diffusa è che sono stati progettati per essere camminato lungo come parte di riti e processioni.
Le linee sono state fatte molto facilmente e rapidamente rimuovendo le rocce di superficie più scure ossidate che pongono strettamente sparse attraverso il pavimento del deserto colorato pampa più leggero. Maggior parte dei disegni visibili solo dall'aria, ma alcune sono state fatte sulle colline e quindi sono visibili da terra.
Linee potrebbero essere single - dritto e curvo - o in gruppi e potrebbero incrociano in reti complesse. Può variare la larghezza e la lunghezza delle linee; una delle più lunghe linee rette è lunga 20 km e la lunghezza totale delle linee di Nazca è stata stimata in oltre 1.300 km. Quelle linee usate per descrivere una forma specifica sono generalmente costituite da un'unica riga continua. Disegni potrebbero essere forme geometriche o animali come un colibrì, ragno e anche una balena di assassino. Alberi, piante e fiori erano un altro soggetto, così come figure umane.
La scala dei disegni può essere enorme; molti sono almeno le dimensioni di un campo sportivo. Sono state anche fatte durante parecchi secoli e molto spesso più nuovi disegni si sovrappongono e ignorano quelle più vecchie che suggeriscono fortemente una mancanza di lungo termine e pianificazione unificato e, quindi, che essi sono stati realizzati da gruppi diversi in momenti diversi e servito più di un unico scopo.

Ceramiche di Nazca

La Nazca hanno raggiunto una reputazione di grande livello artistico e la loro ceramica finemente lavorato è un ottimo esempio. Le navi erano sottili e potrebbero assumere un'ampia varietà di forme. Forme distintive includono i contenitori doppio beccuccio con un unico manico e generalmente bulbose vasi senza un fondo piatto o base. Era comuni anche ciotole, coppe, vasetti, effigie percussioni e flauto di Pan. C'erano anche vasi a forma di teste umane, senza dubbio ispirate alla pratica di Nazca di assumere Trofeo-teste dopo battaglie.
Influenzato dai precedenti disegni cultura Paracas, Nazca, vasi in ceramica sono state decorate con un lapsus (prima della cottura) per produrre una vasta gamma di vividamente resi modelli, divinità, immagini sciamaniche, crostacei, Condor, scimmie e creature mitiche trasformazionale, soprattutto felini. La Nazca ha continuato a creare il proprio stile unico e disegni si è evolute da naturalistico a altamente ornata e quindi a forme altamente astratte. Spesso il disegno copre l'intera imbarcazione producendo un avvolgente effetto tridimensionale, anche una narrazione, ad esempio, con scene di battaglia . Disegni potrebbero sfruttare anche i contorni della nave, ad esempio, un naso su una parte sporgente. Disegni possono anche sovrapporsi tra loro per creare l'illusione di spazio e profondità.
Marrone rossiccio, viola chiaro e grigio-blu sono stati una scelta preferita di colori ma una gamma molto ampia è stata usata, più, infatti, rispetto a qualsiasi altra antica cultura andina. Sfondi sono stati solitamente in bianco, rosso o nero. Delineando figure in nero era un'altra caratteristica e un altro esempio di Nazca delight in design lineare. Una lucidatura finale, i colori ha dato una bella lucentezza.

Metalwork & Textiles Nazca

La Nazca erano affezionato non solo lana tessitura e ricamo ma anche di pittura panno di cotone in tinta unita con una matrice di immagini colorate e motivi. Tessuti sono sopravvissute notevolmente bene, grazie al clima estremamente secco, e rivelano che nasca tessitori hanno posseduto l'intera gamma delle tecniche andine e impiegato una sorprendente gamma di colori e sfumature per produrre disegni intricati e dettagliate. Figure erano particolarmente popolare nei disegni e spesso sono raffigurati che partecipano a scene di vendemmia che mostrano tali prodotti alimentari come mais e fagioli. Animali, simili a quelli nei disegni geoglifi e ceramiche, erano anche un soggetto popolare. Telai, mandrini, aghi, batuffoli di cotone e vasi di coloranti sono stati scavati dagli insediamenti di Nazca.
Nazca metalmeccanici battere oro in fogli sottili, che sono stati tagliati per creare sagome. Preferendo mantenere le superfici liscia e riflettente, solo un piccolo lavoro di tecnica repoussé fornisce decorazione con parsimonia. Maschere sono state prodotte che sono stati indossati sopra la bocca e fatto l'indossatore sembrano avere un dorato barba e baffi. Vennero prodotti anche oro maschere facciali, pennacchi di capelli e ornamenti naso e fronte. Queste maschere d'oro trasformano il volto di chi lo indossa e ricordano le cerimonie di trasformazione effettuate dagli sciamani che erano un tale soggetto popolare nell'arte di Nazca.
[ Indice ▲ ]
[ 2 ]

Coyolxauhqui

Origine e storia
da Mark Cartwright

Coyolxauhqui (pron. Koy-ol-shauw-kee) era la dea Azteca della luna o via Lattea che notoriamente è stata macellata dal suo fratello Huitzilopochtli, il Dio della guerra, Aztec mitologia. Questa storia è stata commemorata in un celebre grande rilievo in pietra trovato ai piedi della piramide di sacrifici, il Templo Mayor a capitale azteca Tenochtitlan.

Coyolxauhqui vs Huitzilopochtli

Coyolxauhqui, il cui nome significa 'Verniciato con campane', è stata considerata la sorella o madre di Huitzilopochtli, il Dio azteco della guerra e patrono di Tenochtitlan. Nella prima versione di questo mitico duello, Coyolxauhqui sconvolto suo figlio Huitzilopochtli quando lei ha insistito per soggiornare presso la leggendaria montagna sacra Coatepec ('Snake Mountain', anche ortografato Coatepetl) e non seguendo il piano di Huitzilopochtli a ri-stabilirsi in un nuovo sito – l'eventuale Tenochtitlan. Il Dio della guerra ha ottenuto il suo modo decapitare e mangiando il cuore di Coyolxauhqui, dopo di che ha condotto gli Aztechi nella loro nuova casa.
Nella seconda versione di questo conflitto familiare, Coyolxauhqui ribelle ha portato suoi 400 fratelli, conosciuti come il Centzon Huitznaua (il ' quattro cento Huiztnaua' che hanno rappresentato le stelle del cielo australe), nel tentativo di uccidere sua madre, la dea Coatlicue. Il pretesto per questo attacco fosse stato la notizia che Coatlicue aveva una gravidanza in circostanze alquanto bizzarre e disonorevole. Svolgimento delle sue mansioni, un giorno, come un pulitore presso il Santuario sulla cima della montagna sacra Coatepec, una palla di piume all'improvviso scese dal cielo e quando Coatlicue questo nascosto nella sua cintura miracolosamente impregnato di lei. Il bambino risultante era nientemeno che il potente guerriero Huitzilopochtli.
Huitzilopochtli sminuzzati Coyolxauhqui in diversi grossi pezzi e rinvii dei pezzi giù per la montagna sacra di serpente.
Trama di Coyolxauhqui è venuto scollarsi, però, quando uno dell'Huiztnaua si perse d'animo e ha deciso di mettere in guardia i non ancora nati Huitzilopochtli. Salendo a difesa di sua madre il Dio scaturiva dal grembo adulto e completamente armato come un guerriero invincibile. In un'altra versione, il Dio scaturisce dal collo reciso di sua madre dopo Coyolxauhqui lei aveva decapitato. In entrambi i casi, con la sua formidabile arma, il xiuhcoatl ("serpente di fuoco") che era in realtà un raggio di sole, il Dio-Guerriero rapidamente macellato suoi fratelli indisciplinati e sminuzzare Coyolxauhqui in diversi grossi pezzi, lui rinvii dei pezzi giù dalla montagna. La testa della dea è stata gettata nel cielo e così è diventato la luna.
Questo mito di pari livello raccapricciante può simboleggiare la vittoria giornaliera del sole (una delle associazioni di Huitzilpochtli) sopra la luna e le stelle. È anche se l'associazione con la luna non ha alcuna prova archeologica particolare per sostenerlo e alcuni studiosi hanno sostenuto che Coyolxauhqui era, invece, connesso con la Via Lattea.

La grande pietra di Coyolxauhqui

Il mito della morte di Coyolxauhqui per mano di Huitzilopochtli è stato commemorato in un grande disco di pietra, conosciuto come la grande pietra di Coyolxauhqui, che è stato scavato alla base del Templo Mayor, Tenochtitlan. Esso raffigura in altorilievo il cadavere decapitato e smembrato di Coyolxauhqui e risale al c. 1473 CE durante il Regno di Axayacatl. La dea indossa solo un guerriero cintura con teschio, un copricapo con Aquila piume e una campana sulla guancia. La piramide del Templo Mayor era in realtà un doppia Santuario al Dio della pioggia Tlaloc e Huitzilopochtli, il Dio della guerra. Una doppia scalinata è salito al tempio, e il disco è stato inserito, in modo significativo, alla base della scalinata che conduce al Santuario di Huitzilpochtli. Era in cima a questo tempio che gli esseri umani sono stati sacrificati ed i loro corpi smembrati e gettato giù per le scale ad atterrare alla base, proprio come il mito sulla montagna del serpente.
Oltre che ricorda l'importanza di Huitzilopochtli, la pietra era anche un chiaro segnale ai nemici degli Aztechi che si sono visti come il guerriero vittorioso Huitzilopochtli. Sconfitti guerrieri guidati su per le scale del tempio sindaco per l'estremo sacrificio sarebbero stati ricordati che dovevano presto essere l'equivalente del Coyolxauhqui sconfitto.
La pietra del diametro di 3,4 m (10,5 ft) fu riscoperta nel 1978 CE quando i lavoratori erano scavano il seminterrato di una libreria nel centro di cittàdel Messico. In una scena tridimensionale su un piano bidimensionale di condensazione, è uno dei grandi capolavori dell'arte azteca e ora risiede al Museo del Templo Mayor della città in cui è stato scoperto.

Altre rappresentazioni nell'arte

Altre rappresentazioni considerevoli di Coyolxauhqui sono una lastra frammentaria greenstone (diorite) che è più vecchio e (insieme a una scultura di stucco della dea) laici sotto il pietra disco descritto in precedenza. Questa pietra precedente Mostra arma xiuhcoatl di Huitzilopochtli perforando il petto della dea e probabilmente risale al Regno di Motecuhzoma I (1440-1469 CE).
Un'altra famosa rappresentazione di Coyolxauhqui è una testa di grande greenstone reciso trovata a Tenochtitlan, che probabilmente è stata scolpita durante il Regno di Ahuitzotl (1486-1502 CE). La dea ha ancora una volta le campane d'oro coyolli su ogni guancia. Questa testa ora risiede al Museo di antropologia di città del Messico.
[ Indice ▲ ]
[ 3 ]

Tezcatlipoca

Origine e storia
da Mark Cartwright

Tezcatlipoca (pron. Tez-ca-tli-po-ca) o "Specchio fumante" in lingua Nahuatl era una delle divinità più importanti nella cultura mesoamericana postclassica e una divinità particolarmente importante per i Toltechi (dal x secolo CE) e versioni successive, per gli Aztechi, soprattutto a Texcoco. Spesso considerato come il Dio supremo che ha preso su una sconcertante serie di nomi e manifestazioni a seconda dove e da chi era venerato. Invisibile e onnipotente, era conosciuto come un Dio creatore, il Dio di sostentamento, un patrono dei guerrieri e il portatore del bene e del male che era l'incarnazione stessa del cambiamento attraverso il conflitto.
Tezcatlipoca era il 10 dei 13 signori della giornata e connesso con il gufo cornuto del calendario mesoamericano mentre suo nagual o spirito animale era la jaguar. Per i Mexica è stato associato con 1 ° giorno: morte e Dio era venerata soprattutto durante il Tóxcatl, il 6 ° mese dell'anno solare 18 mesi con chi ha fatto venerare il Dio che trasportano l'epiteto titlacauan, che significa «noi siamo suoi schiavi», indicativo forse che, per buono o cattivo, c'è stata alcuna fuga le attenzioni e l'influenza di Tezcatlipoca.

Un Dio creatore

Tezcatlipoca era creduto di essere il figlio del Dio androgino primordiale Ometeotl. Nella mitologia di Azteca era il fratello di Quetzalcoatl, Huizilopochtli e Xipe Totec. Nei miti della creazione di Mesoamerican complessi Tezcatlipoca governato il mondo primo del sole ma poi fu rovesciato da Quetzalcóatl. I due successivamente hanno cooperato, tuttavia, per creare la 5a dom Transformed in serpenti giganti, le due divinità attaccato e smembrato il mostro rettile femmina noto come Tlaltcuhtli (o Cipactli), una parte è diventato la terra e l'altra il cielo. Alberi, piante e fiori scaturiva dalla pelle e capelli nella creatura morta mentre sorgenti e grotte sono state fatte dai suoi occhi e naso, valli e montagne è venuto dalla sua bocca.
Il Dio potesse intervenire direttamente negli affari umani per portare felicità e dolore.

I molti volti di Tezcatlipoca

Tratti di condivisione con il precedente Dio II del classico Maya, Tezcatlipoca era spesso considerato come l'unico Dio Onnipotente Supremo in varie culture mesoamericane e tutti gli altri dèi potrebbero essere considerati come manifestazioni di questo essere uno grande. Era conosciuto come Tezcatlipoca nero o lo 'specchio di fumare', Dio del giorno e di Texcoco. Lo specchio può significare che il Dio è onnisciente o che egli governa sopra tutta la terra, a volte indicata come un specchio fumante. Egli è anche conosciuto come Tezcatlipoca blu, il 'Hummingbird stregone', Dio di Tenochtitlán, dove è stato associato con il sole e Huitzilopochtli, il Dio della guerra . Poteva essere conosciuto come Tezcatlipoca rosso, la 'scorticato One' e associata dei Camaxtli e Xipe Totec (Dio dei tlaxcaltechi) o come Tezcatlipoca bianco, il "Serpente piumato" o Quetzalcóatl, il Dio di la Cholula. Ancora un'altra manifestazione del Dio era come Tepeyolohtli, il Dio di jaguar che vivevano nel centro della montagna della terra.
Sempre presente, il Dio potesse intervenire direttamente negli affari umani per portare felicità e dolore. Tezcatlipoca potrebbe assumere connotazioni più sinistri quando era conosciuto come Signore delle ombre o notte, un mago di magia nera e il portatore del male, morte e distruzione come Chalchiuhtecólotl, 'Prezioso Owl' o Chalchiutotolin, ' prezioso Turchia'. Anche associato conflitto era patrono dei guerrieri e i loro campi di addestramento (telpochcalli) ed era conosciuto come Yaotl o 'Nemico'. Egli non era sempre protettivo ai soldati, però, a volte potrebbe essere trovato all'incrocio presso i morti della notte, pronto a sfidare qualsiasi guerrieri ignari.
In una vena simile, Tezcatlipoca potrebbe rappresentare quegli altri elementi sgradevoli della condizione umana: freddo intenso, di peccato e di miseria quando ha assunto le sembianze di Itzlacoliuhque. Infine, in un ruolo più positivo, quando egli era Omácatl, egli era visto come il patrono dell'aristocrazia e feste. In armonia con il carattere complesso di Dio degli opposti in conflitto, però, in questo ruolo egli potrebbe allo stesso tempo rappresentare ladri e stregoni malvagi.

Tóxcatl cerimonie

Nel mese di Tóxcatl, il sesto mese (o 5) dell'anno solare azteco, Tezcatlipoca era venerata in cerimonie speciali. Come con altri riti religiosi aztechi una parte importante della cerimonia è stata la rappresentazione del Dio, più spesso da un prigioniero di guerra, in genere il più bello e quello più coraggioso. Per un anno prima, infatti, il prigioniero è stato istruito da sacerdoti, trattato come un nobile e persino dato quattro donne a prendersi cura di lui. Queste donne si sono rappresentate quattro Dee - divinità, Huixtocihuatl, Xilonen e Xochiquetzal. Quando il mese speciale infine è venuto intorno il sosia era profumatamente vestita in un costume da guerriero e in una festa di matrimonio simbolico sposò sua quattro Dee. Onorato con fiori e danze l'uomo-Dio era quindi traghettato a un dedicato tempio dove egli fu prontamente sacrificato e suo cuore rimosso per onorare il Tezcatlipoca reale.

Mitiche avventure

Oltre alla creazione, Tezcatlipoca è coinvolto in molti racconti mitici e uno dei più curiosi è l'arrivo dei primi cani. I problemi sono iniziati con la coppia di anziani Tata e Nene, sopravvissuti dal diluvio che in precedenza aveva distrutto il mondo 4. Infine facendo terra essi arenati loro barca del ceppo di cipresso e proceduto a fare un fuoco sfregando insieme bastoni. Poi hanno deciso di cucinare un pesce ma il fumo dal loro fuoco disturbato le stelle, soprattutto Citlalatonac e Citlalicue. Questi dèi protestato vivacemente a Tezcatlipoca che, forse un po' duramente, lambita fuori le teste della coppia e li riattaccati alla loro backsides, così, i primi cani sono stati creati.
Un'altra storia spiega associazione di Tezcatlipoca con musica. Un giorno il Dio istruì un Dio del vento nero per andare al sole e recuperare un po' di musica. Il Dio del vento bisogno di aiuto per una pericolosa missione e così si iscrive assistenti di Tezcatlipoca - una tartaruga, sirena e una balena - questi ha messo insieme per fare un ponte, in modo che egli potrebbe attraversare l'oceano. Il sole visto il Dio del vento che arrivano e ha avvertito il suo entourage di musicisti non di rispondere a qualsiasi esigenza che il vento potrebbe rendere, in caso contrario, essi sarebbero inviati torna a terra con il vento. Tuttavia, il Dio del vento iniziato cantando in maniera così irresistibile che uno dei musicisti sono sentito obbligato a rispondere e così è stato punito dal sole e fatto ritornare sulla terra, portando con sé il dono della musica. L'amore della musica è stato visualizzato anche durante la Cerimonia in Tóxcatl dove il sosia di Tezcatlipoca ha rotto un flauto ogni passo della piramide che ha salito il suo modo di essere sacrificato.

Rappresentazioni nell'arte

Il più in anticipo certe rappresentazioni del Dio nell'arte appaiono nella scultura in pietra di Chichen Itzá in epoca precoce postclassica (900-1200 CE). Qui egli può avere un fumo specchio sulla sua testa e un serpente al posto di un piede, mentre nelle successive rappresentazioni del Dio ha uno specchio di ossidiana nera lucido invece di un piede sinistro. Questa sostituzione del piede è un riferimento a una ferita che ha ricevuto nella sua famosa battaglia con Tlaltecuhtli durante la creazione. Egli è spesso in compagnia di un serpente turchese, possono avere strisce dipinte sul suo volto in giallo e nero e indossare un costume con disegni di mais (in riferimento al suo ruolo di Dio della stagione secca e la guerra) e teschi ed ossa (come egli è un Dio degli inferi). A volte porta quattro frecce nella mano destra, armi che egli usa per punire i malfattori. Il Dio poteva essere raffigurato in diversi colori a seconda di quale punto cardinale egli rappresentava - nero per Nord, blu per il sud, rosso per bianco per ovest ed est.
Tezcatlipoca è rappresentato spesso indossando una maschera turchese con una band di occhio nero. Infatti, uno degli oggetti d'arte più famosi del Dio è il teschio decorato ora nel British Museum di Londra. Il cranio è coperto in lignite turchese e nero mosaico di guscio d'ostrica spinoso rosso nella cavità nasale. Circondato da conchiglia bianco lucido di pirite forniscono gli occhi. L'interno della maschera è rivestito con pelle di daino e lo stesso materiale è utilizzato per le due cinghie attaccate al cranio. Questo sorprendente oggetto bene può essere uno dei regali che il re azteco Montezuma II ha dato a Hernando Cortés nel 1519 CE.
[ Indice ▲ ]
[ 4 ]

Tiwanaku

Origine e storia
da Mark Cartwright

Tiwanaku (o Tiahuanaco) fu la capitale dell' Tiwanaku Impero tra il c. 200-1000 CE e si trova nel bacino del Titicaca. Ad un'altitudine di 3.850 metri (12.600 ft) era la più alta città del mondo antico e aveva una popolazione di picco di tra 30.000 e 70.000 residenti. L'impero di Tiwanaku, al relativo limite più grande, ha dominato le pianure di altiplano e si estendeva dalla costa peruviana a Bolivia settentrionale e incluso parti del nord del Cile. Tiwanaku è situato vicino alle rive del Sud (boliviane) del Sacro Lago Titicaca e sarebbe diventato il centro di uno dei più importanti di tutte le culture andine. L'architettura, scultura, strade e gestione di Impero di Tiwanaku avrebbe esercitato una notevole influenza sulla successiva civiltà Inca.

Layout

Tiwanaku è stata fondata nel primo periodo intermedio (200 A.C. - 600 CE). I primi esempi di architettura monumentale datano intorno a 200 CE ma era da 375 CE che la città divenne più grandioso nella sua architettura e la portata. Queste nuove strutture includevano sculture, gateway e i grandi edifici religiosi. Il layout del centro della città è stato costruito su un asse est-ovest, costruito in un disegno di griglia, e il tutto era circondato da un fossato (forse solo simbolico) su tre lati che collegato con il lago Titicaca sul quarto lato della città.
Nella mitologia Lago Titicaca era considerato il centro del mondo, due isole su di esso sono state fatte verso il sole e la luna, ed era il sito dove è stata prodotta la prima gara di giganti di pietra e, successivamente, la razza umana. È stato suggerito che molti dei monumenti presso il sito sono stati collocati in allineamento con il sorgere del sole e/o il sole di mezzogiorno. Tuttavia, il fatto che molti dei monumenti di Tiwanaku sono state spostate nel corso dei secoli fa la scoperta delle loro posizioni originali estremamente difficile.
All'esterno il fossato c'erano edifici residenziali disposti in composti e costruito con mattoni di fango. Irrigazione era fornita anche per le colture via acquedotti, canali e dighe che portava l'acqua dal lago. Tali misure consentiti per una resa agricola affidabile e di successo (soprattutto patate) e per la crescita costante della popolazione, in modo che al suo apice la città coperta fino a 10 chilometri quadrati.
Tiwanaku è stata la capitale di uno dei più influentional pan-culture andine.

Il centro sacro

Una delle caratteristiche notevoli di Tiwanaku sono i grandi spazi aperti per attività cerimoniali e religiose che impiegano bene monumentale in pietra, lavoro che ha a lungo stato ammirato tra cui dagli Incas. Loro sono due tipi principali di pareti - quelli con grandi blocchi irregolari e quelli con blocchi di multa-montaggio e linee rette. Molti blocchi a Tiwanaku visualizzare scanalature tagliate a loro per l'immissione di corde che ha reso loro trasporto e posizionamento. Blocchi potrebbero essere tenuti insieme mediante morsetti di bronzo o graffette, solitamente gettati direttamente in T e prese di corrente e tavoli in pietra. La precisione di alcuni dei blocchi di taglio suggerisce l'uso di strumenti relativamente sofisticati e strumenti di misura. Un'indicazione di queste competenze è che molto più tardi Inca importati deliberatamente loro scalpellini dal bacino del Lago Titicaca in omaggio diretto ai costruttori dotati di Tiwanaku.
Il punto focale del recinto sacro era il Akapana tempio che era una collina artificiale oltre 15 metri di altezza e forma in sette livelli. Passaggi sono stati tagliati in entrambi i lati est e ovest. La parte superiore del tumulo è stata trasformata in una zona pianeggiante di 50 metri quadrati e utilizzata per creare una Corte di affondata a forma di T. La Corte è lastricata di andesite e lastre di arenaria ed il drenaggio è stato fornito dai canali di pietra che a cascata d'acqua giù ogni balcone. Il sito potrebbe essere stato utilizzato nei rituali sciamanici e un sommo sacerdote fu sepolto lì con un bruciatore di incenso effigie di puma e iconografia puma-headed esseri umani copre anche le pietre del tempio.
Il Kalasasaya è un'altra struttura sacra, questa volta rettangolare e misura 130 di 120 metri. Sua Corte di affondata sacro fornito lo spazio per le cerimonie pubbliche e religiose e, come un promemoria di ciò, ha reciso teste di pietra che sporge dall'interno delle sue mura del perimetro di arenaria che comprendono anche disposti regolarmente alte colonne. La zona è accessibile tramite una scalinata singola che ancora una volta ha colonne di pietra ai lati. In piedi nella zona pedonale è il monolito Ponce, una pietra alto 3,5 metri raffigurante forse un righello, sommo sacerdote o Dio di Tiwanaku. La figura tiene un kero (qero) o alto bicchiere in una mano e un oggetto di tipo personale, forse una tavoletta di tabacco da fiuto scettro o coca, in altro.
Nel nord-ovest angolo (non la sua posizione originale) del Kalasasaya è forse la struttura più famosa di Tiwanaku, la monumentale porta di Carved il Dom da un unico blocco massiccio di pietra andesite, il Gateway è 2,8 metri di altezza e larghezza 3,8 metri. L'apertura nel cancello, con il suo caratteristico stipite doppio, è 1,4 metri di larghezza. La parte superiore ha rilievi di 48 demoni alati o angeli, ciascuno con entrambi un umano o testa di uccello e indossa un copricapo piumato. Queste cifre sono impostate in tre righe e nel centro sono una divinità che è stata identificata come la divinità personale dalla cultura Chavin, precursore del Dio creatore Andino Viracocha. Il Dio tiene un personale con teste di condor in ogni mano (identificato da alcuni come un lanciatore di lancia e frecce), ha una maschera come faccia, ha 19 raggi provenienti dalla sua testa che si concludono in entrambi un cerchio o testa di puma e sta piangendo, probabilmente per indicare la pioggia. Sotto queste figure è una fila di disegni geometrici. Ogni lato del cancello ha una nicchia rettangolare singola.
Ancora un altro tempio, conosciuto come il Tempio di Semi-Subterranean, ha anche una Corte di affondata che misura 28,5 metri per 26 metri ed era accessibile tramite una singola scala che scende nella Corte dal lato sud. La parete di questa Corte ha anche teste di pietra sporgenti da esso. Nel centro della Corte sono stati trovati stele o sculture come il 'Bennett Stela' che è di 7,3 metri alto e possibilmente raffigura un righello o alto sacerdote di Tiwanaku. È la scultura di pietra più alta sopravvivenza da qualsiasi antica cultura andina. La figura è pianto e detiene un bicchiere in una mano e un personale in altro. La figura è descritta anche in 30 piccole rappresentazioni di animali e creature mitiche.
Il Pumapunku è stato un altro tumulo di tempio, ancora una volta con una Corte di affondata a forma di T, ma questa volta il tumulo ha solo tre livelli e si trova a 1 km a sud-ovest del complesso principale. Il Pumpapunku è di 150 metri quadrati di superficie e 5 metri di altezza. A differenza del tumulo di Akapana ci sono portali in pietra con architravi di enorme monolito che ha funzionato come un gateway per il complesso complesso sacro.

Edifici residenziali

Nessun magazzini o edifici amministrativi sono stati trovati presso il sito ma c'erano grandi aree residenziali che circondano il centro sacro, questi si trovano ora sotto campi utilizzati per l'agricoltura. Queste strutture più umili sono state realizzate con mattoni di fango essiccato (adobe) e costruite sulle fondamenta di ciottoli. C'erano anche edifici più fini in questa zona, residenze d'elite con muri di adobe alta che circonda un cortile e gli edifici costruiti da blocchi di pietra finemente tagliato. Uno di questi edifici, conosciuti come il 'Palazzo delle camere multicolore', ha le pareti che sono state dipinte in molti cappotti nel tempo in colori come blu, verde, rosso, arancio e giallo. Ci sono anche canali, canali di drenaggio, focolari, nicchie e cortili lastricati di pietra. Dedicato sepoltura merci sono stati scavati all'ingresso dell'edificio - oro, argento e gioielli in turchese, umano rimane, un feto di lama, ceramiche e osso strumenti.

Scultura, ceramica e tessile

Gran parte del Sacro imagry a Tiwanaku può essere trovato in altre culture andine. La coltura a Tiwanaku è stata influenzata dai suoi predecessori nel bacino del Titicaca, ad esempio, il imagry dei Chavin e l'architettura nel Chiripa Pukará. Immagini ripetute presso il sito includono il personale Deità, teste mozzate trofeo e creature alate (di solito raffigurate nel profilo e corsa) con teste di uccelli come il condor e falcon. La divinità personale appare sul famoso Gateway del sole ed è nella tipica posa: frontale impugnando un bastone in ogni mano, raggi provenienti dalla sua testa, una mascherina-come la faccia e con indosso una tunica con cintura e kilt. L'immagine appare sui vasi e altrove in architettura anche e probabilmente era l'ispirazione per il successivamente adorato Dio creatore Viracocha.
Ci sono anche diversi esempi di grandi sculture in pietra che la gente di Tiwanaku può avere destinato a rappresentare la prima gara dei giganti della mitologia andina pan o ex governanti di Tiwanaku e sacerdoti. Alcune sculture hanno ancora pin dorati incorporati in essi suggerendo tessuto è stata usata per vestirle. Possono anche visualizzare le tracce di vernice, che indica che una volta erano luminose. Altre interessanti sculture dal sito includono un enorme masso scolpito in un modello di un recinto sacro e la chachapumas, sculture di guerrieri dalla testa di puma che tengono un coltello in una mano e una testa umana mozzata in altra. Questi, insieme con le teste di muro di pietra e ritrovamenti di teschi umani lucidati, fortemente sugest un culto al Dio pan-Andina decapitator. Altri rituali sono suggeriti dalle sepolture di massa presso il sito come una tomba con 40 maschi, tutti con i segni di essere tagliati a pezzi. Il fatto che i resti sono sepolti in un'area di pioggia-depositati sedimenti suggerisce che sono stati sacrificati dopo un evento climatico catastrofico.
Reperti di ceramica includono tazze, ciotole e vasi con disegni di anthropomorhpic tutto con la base arancione distintiva di ceramica di Tiwanaku. Forme distintive sono i bicchieri alti e recipienti di stoccaggio di grandi dimensioni che parzialmente sono stati sepolti in fosse. Molti vasi mostrano la prova di un certo grado di produzione di massa utilizzando stampi. La maggior parte sono dipinte a colori vivaci e divinità, animali e motivi geometrici erano un soggetto popolare. Di particolare nota sono vasi a forma di teste umane, alcune caratteristiche di idiosincratico precisa di acquisizione e sono pertanto originali ritratti di una persona specifica o un modello. Ceramiche di Tiwanaku è stato esportato in tutto l'Impero e oltre via le carovane di lama grande usato per collegare Tiwanaku al suo impero.
Come con altre culture andine, i residenti di Tiwanaku erano abili tessitori. Tessuti raramente sopravvivono nelle quantità di altri manufatti più durevole, ma abbastanza esempi sono disponibili per illustrare l'abilità e l'innovazione dei produttori di tessile presso il sito. Ad esempio, una tunica di lana ha decorazioni di fiori situati in duro raggiungere le linee diagonali. Cappelli di lana da Tiwanaku hanno una forma distintiva casella e sono composti da cinque pannelli separatamente tessuti cuciti insieme, a volte con nappe aggiunto agli angoli. Tessuti di Tiwanaku utilizzano colori vivaci e i motivi decorativi familiari da ceramiche - animali, uccelli, divinità e figure umane - ma questi possono apparire in forma più astratta ed essere schiacciati o allungati per adattarsi alla forma dell'oggetto, soprattutto in hangings della parete e vestiti. Forme geometriche erano inoltre ampiamente usate in modelli tessili, in particolare il motivo di diamante ha fatto un passo che si è visto anche in scultura architettonica Tiwanaku.

Crollo

Crollo dell'Impero di Tiwanaku intorno c. 1000 D.C., quando di fronte ad attacchi dai regni Aymara, un gruppo collettivo di Stati che comprendeva Colla, Lupaka, Cana, carnevali, Umasuyo e Pacaje. Tiwanaku, che la città fu abbandonata, possibilmente in ritardo quanto CE c. 1100, probabilmente a causa della siccità eccessiva causata da cambiamenti climatici regionali, ma loro monumentale pietra arte e architettura è sopravvissuto per ispirare Incas reverenziale per simili prodezze artistiche e continuano a impressionare il visitatore di moderno-giorno con il loro fascino senza tempo.
[ Indice ▲ ]
[ 5 ]

Civiltà Wari

Origine e storia
da Mark Cartwright

La civiltà Wari fiorì nelle aree costiere e dell'altopiano dell'antico Perù tra c. 450 e c. 1000 CE. In base alle loro capitale Huari, Wari sfruttando i diversi paesaggi che hanno controllato per costruire un Impero amministrato dai capoluoghi di provincia collegati da una rete stradale di grandi dimensioni. I loro metodi di mantenere uno stile artistico e impero avrebbe una notevole influenza sulla successiva civiltà Inca.
Il Wari erano contemporanei con quelle altre grandi culture medio orizzonte (c. 600-1000 D.C.) centrate a Tiwanaku e Pukara. Il Wari più militarista erano anche dotati di agricoltori e costruirono canali per irrigare i campi terrazzati. La stabilità economica e la prosperità questo portato ha permesso il Wari implementare che una strategia combinata dei militari potrebbe, benefici economici e i distinto immaginario artistico vuole fondare un impero attraverso Perù antico. Loro gestione superiore della terra li ha aiutati anche resistere il periodo di 30 anni di siccità che durante la fine del VI secolo CE ha contribuito al declino delle civiltà Nazca e Moche confinanti.
Il Wari erano senza dubbio influenzata dal contemporary culture, per esempio, appropriarsi la divinità di Chavin personale..--un Dio strettamente associato con il sole, la pioggia e il mais, tutto così vitale per culture dipendente dall'agricoltura e i capricci di un clima inaffidabile. Hanno trasformato in una rituale icona presente sui prodotti tessili e ceramiche, diffondendo la propria iconografia marca e lasciando una duratura eredità in Arte Andina.
Il Wari implementato una strategia combinata di potenza militare, benefici economici e distinto immaginario artistico vuole fondare un impero attraverso Perù antico.

Huari

Il capitale a Huari (25 km a nord di Ayacucho moderna) si trova ad un'altitudine di 2.800 m e si sviluppa oltre 15 chilometri quadrati. Il primo insediamento fu circa 250 CE e alla fine ha avuto una popolazione possibilmente alta come 70.000 al suo apice. Huari Mostra caratteristiche tipiche dell'architettura andina: densamente imballato parete-racchiuso strutture rettangolari, che possono essere ulteriormente suddiviso in un labirinto di scomparti. Mura della cittàsono massiccia (fino a 10 metri di altezza e 4 metri di spessore) e costruito utilizzando in gran parte greggi pietre insieme con una Malta di fango. Edifici avevano due o tre storie, cortili sono stati allineati con panchine in pietra situati nelle pareti e scarichi sono stati rivestiti in pietra. I pavimenti e le pareti degli edifici erano generalmente rivestite di intonaco e verniciati bianchi.
C'è poca distinzione nell'architettura di Wari tra edifici pubblici e privati e poche prove dell'urbanistica. Un palazzo reale ha, tuttavia, è stato identificato nella sezione nord-ovest della città, la più antica zona di abitazione e chiamato Vegachayoq Moqo. Un ora rovine del tempio era situato nel Moraduchayuq composto nel sud-est della città. Fu costruita nel 6 ° secolo D.C. e ha avuto parti sotterranee con tutta la struttura una volta dipinte di rosso. Come altri edifici presso il sito fu deliberatamente distrutto e sepolto ritualmente. La città sembra essere stata abbandonata c. 800 CE per motivi sconosciuti.
Tombe sono state scavate a Huari che conteneva ottimi esempi di Wari tessili. Le ceramiche sono anche tra i ritrovamenti presso il sito. Una reale tomba fu scoperto nella zona di Monjachayoq che si compone di 25 camere su due livelli, tutti rivestiti con finemente tagliati lastre di pietra. Inoltre, un albero scende fino a una terza sezione di livello che ha la forma di un lama. Infine, una sezione di cerchio è stata tagliata a un quarto livello verso il basso. La tomba a forma di lama, saccheggiata in antichità, era il royal date e luogo di riposo per 750-800 CE.
Huari una volta era circondato da campi irrigati e fresca acqua correva attraverso la città tramite condotte sotterranee. Ulteriori indicatori di prosperità sono la presenza di aree dedicate alla produzione di determinati beni come ceramiche e gioielli. Materiali preziosi per questi laboratori e merci importate indicano commercio con luoghi remoti: conchiglie dalla costa e Spondylus da Ecuador, ad esempio. La presenza di edifici adibiti a magazzino presso Huari e altri Wari città indica anche una rete di commercio controllato centralmente si sono diffuse attraverso Perù antico.

Pikillacta

Un altro importante Wari centro era a Pikillacta, sud-est di Huari che era fondata CE c. 650. Situato ad un'altitudine di 3.250 m, il cuore di questo sito di insediamento amministrativa e militare è stato costruito in una forma rettangolare 745 x 630 metri ed è disposto in un preciso disegno geometrico delle piazze. Gli interni dei singoli composti sono, tuttavia, idiosincratici nel layout.
Come in altri siti di Wari, accesso era strettamente controllata tramite un singolo, ingresso di avvolgimento. Importanti ritrovamenti presso Pikillacta includono 40 figure di greenstone in miniatura raffigurante i cittadini d'eliti e piccole figurine (non più di 5 cm) di sciamani trasformazionali, guerrieri, prigionieri associati e pumas in rame, oroe pietre semi preziose. Il sito fu abbandonato c. 850-900 CE e ci sono prove di distruzione per un incendio di alcuni edifici e deliberatamente sigillati porte.
Altre città importanti di Wari erano Viracochapampa, Jincamocco, Conchopata, Marca Huamachuco e Azangaro. C'erano anche siti puramente militari come il forte di Cero Baul, che confinava con il territorio di Tiwanaku a sud. Questi siti sono stati collegati a fonti d'acqua e l'altro da un sistema di strade.

Arte di Wari

Wari arte è meglio evidenziato nei ritrovamenti di tessile che spesso raffigurano divinità personale, piante, fiore di cactus di San Pedro, PUMA, Condor e soprattutto i lama, illustrando l'importanza di questi animali di allevamento per il Wari. Tessuti sono stati sepolti con i morti e quelle tombe nel dessert asciutto sono stati ben conservati. Tessuti erano multicolori, anche se blu è stata particolarmente favorita, e disegni erano composte da forme geometriche prevalentemente rettilinee, soprattutto il motivo diamante gradini. Allo stesso tempo, nonostante apparentemente normale motivi geometrici, tessitori spesso presentare un singolo cambiamento di colore o motivo di casuale (in genere utilizzando verde o indaco) nelle loro parti. Queste potrebbero essere le firme o un'illustrazione che le regole potrebbe sempre avere eccezioni.
Disegni di Wari divennero così astratti che figure erano essenzialmente irriconoscibile, forse in un tentativo deliberato dal élite di monopolizzare la loro interpretazione. Figure astratte distorte quasi irriconoscibile possono anche essere un tentativo di rappresentare la trasformazione sciamanica e la coscienza di trance indotta da farmaci che erano parte delle cerimonie religiose Wari.
Forme di ceramica Wari popolari sono state le figure di effigie visto altrove in culture andine, urne grandi, bicchieri, ciotole e stampato doppio beccuccio vasi. Disegni decorativi furono molto influenzati da quelli utilizzati nella produzione tessile Wari. La divinità personale era un soggetto particolarmente popolare per bicchieri (kero) come erano guerrieri con lanciatori dardo, scudi e tuniche militari.
Metalli preziosi sono stati anche un mezzo popolare per le merci d'elite. Notevoli reperti da una tomba reale a Espiritu Pampa includono una maschera d'argento e al seno-piastra, braccialetti d'oro e altri gioielli in pietre semipreziose quali greenstone e lapislazzuli. Human figure in costume tipico di Wari - tunica senza maniche e quadrangolare cappello - sono stati effettuati anche in metalli preziosi martellati.

L'eredità di Wari

Anche se le cause esatte del Wari declino non sono noti, gamma di teorie da sovra-estensione dell'impero per un altro periodo di siccità prolungata nel IX secolo CE. Qualunque sia la ragione, la regione tornò ad una situazione di stati frammentati per diversi secoli.
L'eredità più duratura della Wari è il loro stile artistico che non solo influenzato il Moche contemporanea, ma anche la successiva civiltà Lambayequee più tardi ancora, Incas. Un gran numero delle strade costruite dal Wari sono stato utilizzato anche dagli Incas all'interno del proprio sistema di strada ampia, così come lo erano un gran numero di Wari terrazze per l'agricoltura. Il capitale a Huari è stato saccheggiato in antichità e ancora nel XVI secolo CE dagli spagnoli.
Riscoperto nel secolo di mid-20th CE, i primi scavi iniziarono nel 1940 e continuare oggi, gradualmente rivelando la ricchezza e il potere una volta goduto di uno dei più importanti di tutte le antiche culture andine.
[ Indice ▲ ]
[ 6 ]

Atahualpa

Origine e storia
da Mark Cartwright

Atahualpa (anche Atawallpa) era l'ultimo righello dell' Impero Inca , che regnò dal 1532 CE fino alla sua cattura ed esecuzione di invasori che spagnoli guidati da Pizarro nel 1533 CE. Il travagliata Incas aveva sofferto sei anni di danneggiare il civile guerra e Atahualpa era solo solo godendo la sua ascesa al trono quando gli spagnoli arrivarono a capovolgere il mondo Inca. Hanno ulteriormente indebolito dalle malattie introdotte europea che spazzò via milioni, Incas potevano fare niente contro gli invasori meglio armati che si sarebbero fermata davanti a nulla per ottenere la ricchezza favolosa della più grande delle Americhe mai Impero.

Guerra civile & successione

Padre di Atahualpa Wayna Qhapaq morì nel 1528 CE di vaiolo, la più illustre vittima dell'epidemia di malattie europee che si era diffusa anche più veloce di invasori stranieri se stessi dall'America centrale potrebbe gestire. Questa epidemia uccise un vacillamento 65-90% della popolazione autoctona. Quando Wayna Qhapaq morì senza scegliere un secondo erede (la sua prima scelta Ninan Cuyuchi morì di vaiolo) Atahualpa lotta per il trono con il fratellastro Waskar (o Huascar) in una guerra civile estremamente dannosa che gli spagnoli sarebbe solo troppo felici di sfruttare quando arrivarono sul territorio Inca nel 1532 CE. Atahualpa è stato basato nella capitale del Nord a Quito mentre Waskar era a Cuzco. Dopo le relazioni diplomatiche più esasperante tra i due fratelli, aprire guerra scoppiò nel nord. Seguì una serie di battaglie costose da entrambi i lati fino a quando, dopo sei anni di combattimenti, Atahualpa infine prevalso.
Con il tempo che spagnoli arrivarono, Atahualpa era riuscito a catturare Waskar ma è rimasto le fazioni che avevano profondamente diviso l'Impero. WASKAR fu imprigionato e suo kin-gruppo è stato ucciso, così come lo erano quelli che lo avevano sostenuto. Atahualpa anche ucciso storici e distrutto i record di quipu Inca. Questo doveva essere un rinnovamento totale, quello che gli Incas chiamato un pachakuti o 'svolta nel corso del tempo e dello spazio', un evento che cambia epoca che gli Inca credevano periodicamente si sono verificati nel corso dei secoli. Quello che Atahualpa non sapeva era che un altro pachakuti era meno di un anno di distanza, e questa volta lui sarebbe sua vittima.
Di Atahualpa potrebbe essere stato breve ma, come l'Inca di Sapa ('Unique'), ha vissuto una vita di lusso estremo.
Di Atahualpa potrebbe essere stato breve ma, come l'Inca di Sapa ('Unique'), ha vissuto una vita di lusso estremo. Bere da coppe di oro , indossare i sandali con la suola di argento e trattata come una manifestazione del Dio del sole Inti sulla terra, Atahualpa era a capo dell'impero più grande e ricco che America avesse mai visto. Il suo gusto per opulenza chronicled dagli spagnoli che ha detto che una volta ordinato un mantello realizzato solo da pelli di pipistrello. Come il re di Inca, che aveva il diritto di indossare gioielli in oro ancora di più rispetto la nobiltà già troppo carico. Sua regalia comprendeva una fascia piuma (Ilauto), una mazza d'oro (champi) e King-size golden ear-spool. Il monarca viaggiato su una cucciolata di oro e argento ulteriormente abbellita con piume di pappagallo. È stato alimentato il cibo da un servo, e nulla ha toccata la persona reale era raccolto e bruciato in una cerimonia annuale per scongiurare la stregoneria. Se mai c'è stato un sovrano coccolato era il Sapa Inca del Perù antico.

Pizarro arriva

Venerdì, 15 novembre 1532 CE la forza di 168-uomo di spagnoli guidata da Francisco Pizarro si avvicinò alla città Inca di Cajamarca negli altopiani del Perù. Pizzaro mandò a dire che lui volle incontrare il re Inca, ci godendo sorgenti locali e crogiolarsi nella sua recente vittoria sul Waskar. Atahualpa ha accettato di incontrare finalmente gli uomini bianchi barbuti tanto-dice che sono stati conosciuti per avere combattono la loro strada dalla costa per qualche tempo. Con fiducia circondato dal suo esercito forte di 80.000 Atahualpa sembra non aver visto alcuna minaccia da una forza nemica così piccola e ha fatto Pizarro aspettare fino al giorno successivo. Quindi, seduto su un trono di legno basso e accompagnati da tutte le sue mogli e nobili, il sovrano Inca finalmente faccia a faccia con questi curiosi visitatori da un altro mondo.

Atahualpa è catturato

Il primo incontro formale tra Pizarro e Atahualpa coinvolto alcuni discorsi, un drink insieme mentre guardavano alcune monto spagnolo e non molto altro. Entrambi i lati è andato via pianificazione catturare o uccidere l'altra parte alla prima occasione disponibile. Il giorno successivo Pizarro, utilizzando il convenientemente labirinto-come l'architettura della città Inca a suo vantaggio, impostare i suoi uomini in agguato in attesa arrivo di Atahualpa nella piazza principale. Quando la truppa royal arrivati Pizarro licenziato suoi piccoli canoni e quindi i suoi uomini, indossando l'armatura, attaccato a cavallo.
In battaglia, dove le armi da fuoco erano errate contro Lance, frecce, fionde e Club, 7.000 Incas sono stati uccisi contro zero perdite spagnole. Atahualpa fu colpito un colpo sulla testa e catturato vivo. Sia tenuto per il riscatto da Pizarro o anche offrendo un riscatto se stesso, il ritorno sicuro di Atahualpa al suo popolo accadrebbe solo se una camera misura 6.2 x 4,8 metri erano pieni di tutti i tesori Incas potrebbero fornire fino ad un'altezza di 2,5 m. Questo è stato fatto e la camera era freschissima con oggetti d'oro dai gioielli agli idoli. La camera era poi riempita due volte ancora con oggetti in argento. L'intera attività ci sono voluti otto mesi e oggi il valore dei tesori accumulati sarebbe stato ben oltre $ 50 milioni. Nel frattempo, Atahualpa ha continuato a correre il che suo impero dalla cattività e Pizarro inviò spedizioni esplorative per Cuzco e attesi rinforzi da Panama. Quindi, dopo aver ottenuto il suo riscatto, Pizarro sommariamente processato e giustiziato Atahualpa in ogni caso, il 26 luglio 1533 CE. Il re Inca originariamente fu condannato a morte da bruciare sul rogo, ma, dopo che il monarca ha accettato di essere battezzato, questo venne commutato alla morte per strangolamento.
Alcuni degli uomini di Pizarro pensato questo è stato il peggiore possibile risposta, ma il leader spagnolo scaltro aveva visto solo come asserviti Incas erano al loro re, anche quando egli era tenuto prigioniero dal nemico. Come uno Miguel de Estete descritto il re ricevendo visitatori durante la sua prigionia,
Quando sono arrivati prima di lui, hanno fatto di lui grande riverenza, baciare i suoi piedi e le mani. Li ha ricevuti senza guardare a loro. È notevole per registrare la dignità di Atahualpa e la grande obbedienza che tutti accordato lui (D'Altroy, 93).
Come un Dio vivente, Pizarro forse sapeva che solo la morte del re ha potuto determinare la totale sconfitta degli Incas. Infatti, anche nella morte il re Inca ha esercitato un'influenza sul suo popolo per la testa mozzata di Atahualpa ha dato vita alla leggenda Inkarri duratura. Per gli Inca creduti che un giorno la testa sarebbe cresciuto un nuovo corpo e loro sovrano sarebbe tornare, sconfiggere gli spagnoli e ripristinare l'ordine naturale delle cose.

Il crollo dell'Impero Inca

Uno dei motivi per l'impero Inca crollato così rapidamente dopo la morte di Atahualpa, forse meno di 40 anni, era il fatto che è stata fondata il e mantenuto da, forza, e la sentenza Incas (solo 40.000) erano molto spesso impopolare con i loro soggetti (10.000.000 di loro), soprattutto nei territori del Nord. Questo era non meno importante perché Incas estratte pesante tributo da popoli conquistati – sia in genere e del lavoro - e leali sudditi Inca furono costretti su queste comunità ad integrarli meglio l'Impero. L'impero Inca, infatti, ancora non era una fase di maturità consolidato – relativo limite più grande aveva raggiunto solo pochi anni prima.
Fu una combinazione di fattori, allora, una vera e propria tempesta perfetta di ribellione, di malattia e di invasione, che ha portato la rovina di Atahualpa e il potente impero Inca. Inoltre, la modalità di Inca di guerra era altamente ritualizzata dove tali cose come inganno, agguato e sotterfugi erano sconosciuti. Guerrieri Inca dipendevano strettamente dai loro ufficiali, e se questi sono caduto in battaglia, un intero esercito potrebbe crollare velocemente in ritirata in preda al panico. Questi fattori e le armi superiori degli europei significava che Incas avevano ben poche possibilità di difendere un impero enorme già difficile da gestire.

Conclusione

Pizarro ha ricevuto critiche dal re spagnolo Carlos I per trattare un sovrano straniero così ricorretto e i suoi tentativi di installare un righello del puppet – Thupa Wallpa, il fratello minore di Waskar - Impossibile ripristinare qualsiasi tipo di ordine politico. Gli spagnoli presto ha scoperto che la vasta diffusione geografica del loro nuovo impero e sue difficoltà insite nella comunicazione e nel controllo (anche se loro predecessori avevano costruito un eccellente sistema viario) significava che hanno affrontato gli stessi problemi di gestione come gli Incas. A questo si aggiungeva il declino della popolazione massiccia seguendo le epidemie e le comunità ancora risentite di fuori regola. Per quelle tribù locali, un cambiamento in governanti, purtroppo, ha portato senza tregua da un rapace overlord, ancora una volta, desideroso di rubare la loro ricchezza e imporre loro una straniera religione.
[ Indice ▲ ]
[ 7 ]

Sacsayhuaman

Origine e storia
da Mark Cartwright

Sacsayhuaman (anche Saksaywaman o Saqsawaman, che significa 'Aquila reale') Fortezza -tempio complesso si trova all'estremità settentrionale della ex capitale Inca Cuzco. Costruito durante il Regno di Pachacuti (1438-1471 CE) ed i suoi successori, sue mura massicce, ben costruito rimanga oggi come una testimonianza non solo di potenza Inca, ma anche le competenze degli architetti Inca e il loro approccio delle loro strutture monumentali si fondono armoniosamente nel paesaggio naturale. La Sacsayhuaman è ancora oggi utilizzata per rievocazioni delle cerimonie di ispirazione Inca.

Costruzione

La fortezza fu la più grande struttura costruita dagli Incas. È stato costruito su un promontorio roccioso elevato rivolti verso il suolo paludoso del nord di fuori della capitale Inca di Cuzco. Reperti di Ceramica indicano che il sito in precedenza era stato occupato dai residenti di Inca. Iniziata nel Regno del grande costruttore di Impero Inca Pachacuti Inca Yupanqui, o forse suo figlio hmnchmbhm Inca Yupanqui nel secolo di mid-15th CE, il design è stato accreditato a quattro architetti: Huallpa Rimachi, Maricanchi, Acahuana e Calla Cunchui. Le prime strutture sono state realizzate utilizzando solo fango e argilla. Governanti successivi poi sostituito questi con magnifica pietra che impiegava enormi blocchi poligonali finemente tagliate, molti più di 4 metri in altezza e peso di oltre 100 tonnellate. Per completare un progetto così imponente 20.000 operai sono stati redatti nel sotto il sistema Inca consolidato di estrazione sia beni e del lavoro da popoli che hanno conquistato. Lavorando in un sistema di rotazione 6.000 sono stati dati estrazione dazi mentre gli altri 4.000 scavato trincee e le fondamenta. Le mura della fortezza furono costruite nelle sezioni verticali, probabilmente, ogni sezione essendo la responsabilità di un gruppo etnico del lavoro.
Gli Incas erano scalpellini master. Enormi blocchi erano intarsiati e a forma utilizzando nient'altro che più difficile pietre e utensili in bronzo. Segni sui blocchi di pietra indicano che essi erano per lo più pestate in forma piuttosto che tagliare. Blocchi sono stati spostati utilizzando corde, tronchi, pali, leve e rampe di terra (telltale marchi possono ancora essere visto su alcuni blocchi), e alcune pietre ancora hanno nodi sporgenti da loro o rientranze che sono stati utilizzati per aiutare i lavoratori afferrare la pietra. Che rocce erano all'incirca scavate nelle cave e poi lavorati nuovamente alla loro destinazione finale è chiaramente indicati dal esempi incompiuto sinistra alle Cave e sui vari itinerari per cantieri edili. La qualità del taglio e l'impostazione dei blocchi sul sito è stata così precisa che Malta non era necessario. Infine, una superficie finita è stata fornita mediante macinazione di pietre e sabbia.
Il complesso della fortezza incluso templi, in particolare uno al Dio del sole Inti& è stato utilizzato come location per cerimonie di Inca.
Sperimentale archeologia ha dimostrato che era molto più velocemente di studiosi in precedenza avevano pensato di preparare e vestire le pietre utilizzate dagli Incas. Anche così, ci sarebbero voluti molti mesi per produrre una singola parete. Incas ha anche assicurato che loro blocchi in blocco e le pareti erano inclinate per massimizzare la loro resistenza ai danni del terremoto. Tempo ha dimostrato la loro efficacia come 500 anni di terremoti hanno fatto notevolmente poco danno alla sinistra di strutture Inca nel loro stato completo e la Sacsayhuaman non fa eccezione.

Progettazione

Se la teoria che tutti di Cuzco era disposta a forma di un puma forma quando visto dall'alto è corretto, quindi Sacsayhuaman era la testa. La fortezza ha tre terrazze distinte che retrocedono indietro a vicenda. Le pareti, ogni raggiunge un'altezza di 18 metri, sono strutturate in modo a zig-zag che si estende oltre 540 metri così che ogni muro ha fino a 40 segmenti, che ha permesso ai difensori di catturare gli aggressori in un fuoco incrociato; un risultato che ha aiutato anche dalla curvatura generale della facciata intera fortezza. Inoltre, gli architetti Inca molto spesso cercarono di loro strutture si fondono armoniosamente nel paesaggio naturale circostante e il contorno della Sacsayhuaman è stato costruito similmente per imitare i contorni della catena montuosa che domina dietro di esso. Ciò è particolarmente evidente quando il sole crea ombre profonde triangolari tra le terrazze a zig-zag esattamente nello stesso modo che lo fa sulla catena montuosa con le sue cime e valli.
In un'altra considerazione difensiva, c'è solo una piccola porta su ogni terrazza che dava accesso agli interni edifici e torri sulla collina dietro. Testimonianze spagnole descrivono un grandi quattro circolare o Torre di cinque piani situato in posizione centrale all'interno della fortezza e dei suoi fondamenti (insieme a quelli per altri due) può essere visto oggi. Nella parte posteriore del complesso, in una zona conosciuta come il Suchuna (diapositiva), c'erano altre terrazze, patii, annessi e un sistema di approvvigionamento di acqua compreso cisterne e acquedotti. Infine, c'è un'area di taglio con gradino terrazzamenti sul fianco della collina di Rodadero, che è pensato per avere un santuario religioso, forse dedicata alla Pachamama, la dea della terra, o una piattaforma di visualizzazione per il righello del Inca a guardare le cerimonie da o un posto per le osservazioni astronomiche.

Funzione

Al termine, la fortezza è stato detto di aver avuto una capacità di almeno 1.000 guerrieri, ma raramente era necessario come gli Inca non hanno subito invasioni da stati nemici. Probabilmente, per questo motivo, Sacsayhuaman è stato progettato come molto più di una fortezza. Il complesso comprendeva templi, in particolare uno al Dio del sole Inti ed è stato utilizzato come location per cerimonie di Inca. La Sacsayhuaman è stato anche un grande magazzino di Inca dove erano conservati armi, armature, prodotti alimentari, tessuti preziosi, ceramiche, utensili in metallo e metalli preziosi.
La Sacsayhuaman operare come una fortezza durante la conquista spagnola del Perù dal 1532 CE. Gli spagnoli, guidati da Francisco Pizarro, conquistarono Cuzco poco dopo aver ucciso il sovrano Inca Atahualpa nel 1533 CE ma poi affrontano un assedio organizzato e sostenuto da un grande esercito di Inca. Pizarro inviò suo fratello Juan per attaccare la Sacsayhuaman utilizzando cavalleria e quindi scalare le pareti con le scalette. L'offensiva ebbe successo, anche se Juan morì nel processo, e l'occupazione della fortezza ammessi gli spagnoli di resistere all'assedio.

Uso successivo

Dopo il crollo dell'Impero dopo l'invasione europea, la maggior parte delle pietre della Sacsayhuaman sono stata riutilizzata altrove negli edifici coloniali di Cuzco. Le rovine erano coperti di terra dagli spagnoli per impedirne l'utilizzo delle forze ribelli Inca e il sito non fu riscoperta fino al suo scavo nel 1934 CE. Oggi le rovine della fortezza sono la posizione per il festival annuale di Inca rievocazione storica l'Inti Raymi, il solstizio d'inverno.
[ Indice ▲ ]
[ 8 ]

Tulum

Origine e storia
da Mark Cartwright

Tulum, sulla costa orientale della penisola dello Yucatan in Messico del sud, fu un importante centro di mesoamericana che visualizzati in Maya e Toltechi influenza. Tulum fu un importante trading e centro religioso tra i secoli 11 ° e 16 ° CE e, drammaticamente situato vicino al mare, è uno dei più suggestivi siti antichi in Messico.
Si insediarono nel VI secolo CE, Tulum prosperato, soprattutto così sotto Mayapán influenzare da c. 1200 D.C., e fu un importante centro commercio di tali merci baratto tipici del periodo come cotone, prodotti alimentari, rame campane, assi e fave di cacao. Protetto dalla giungla di Quintana Roo, il sito sopravvissuto al crollo generale di Maya ed era in gran parte lasciato intatto dagli spagnoli.
Il complesso cerimonia di Tulum, costruito su una scogliera di calcare alta 12 metri, era circondato su tre lati da mura di fortificazione, mentre il quarto lato si affaccia sul mare dei Caraibi. Infatti, il nome Tulum è un coloniale e significa 'muro'. Il nome locale originale potrebbe essere stato Zama significato 'dawn' in riferimento alla posizione del sito verso est attraverso il mare.
La struttura più grande è il Castillo che è in realtà che un tempio piramide visualizzazione architettonica influenze della civiltà tolteca.
Edifici residenziali sono stati costruiti di fuori dell'area fortificata sacra che era riservato per i governanti di Tulum. La struttura più grande è il Castillo (Castello) che è in realtà un tempio piramide visualizzati da influenze architettoniche dalla tolteca civiltà, quali nicchie sopra-portello e serpente-colonne. Inoltre, la scultura di stucchi che decorano l'edificio ricorda quelli a Mayapán. Le sale del Castillo e anche struttura 25, inoltre si distinguono per loro esempi ben conservati di fascio-e-mortaio tetti.
Il Tempio degli affreschi è una piazza tozza edificio che ha subito diverse modifiche nel corso dei secoli. Nel periodo classico, ci sembra solo di essere stato un santuario con soffitto a volta, ma questo più successivamente è stato circondato da una struttura più grande che aveva una facciata quattro -colonna . Più tardi ancora, è stato aggiunto il secondo piano. Facce dello stucco all'esterno suggeriscono che l'edificio era dedicato al Dio Itzamnaaj.
I primi dipinti a muro, che danno l'edificio il suo nome, ai secoli 11 ° o 12 ° CE, ma alcuni sono certamente più tardi, forse post conquista. Rappresentano figure eseguire varie azioni come una donna rettifica mais su una pietra (metate), la dea Chak Chel portando due immagini del Dio Chahk e il Dio azteco Tezcatlipoca , con la sua maschera di occhio nero band e turchese. Quest'ultimo suggerisce forte contatto con la centrale messicani centri. Figure più in maniera sconvolgente sono dipinte in blu su sfondo nero e pannelli sono divise da confini di serpente-come contorti, e rappresentano forse il cordone ombelicale e quindi una connessione genealogica tra le figure. Gli affreschi appaiono su entrambe le pareti esterne ed interne di diversi altri edifici a Tulum, ma sempre utilizzando solo tre colori – rossi, blu e gialli – con i profili verniciati in nero e accompagnata da glifi Maya.
Altre strutture a Tulum includono il tempio drammaticamente individuato dei venti che è stato costruito in onore del Dio del vento e ha aiutato i marinai di guida attraverso la barriera corallina, un palazzo in un cattivo stato di conservazione, varie piattaforme e il Tempio del Dio discendente. Questo edificio di quest'ultimo e la presenza su parecchie altre strutture dello stucco figure di divinità alate decrescente suggeriscono il sito era specificamente in onore di questa divinità strana anche conosciuto come il Dio' immersione' e forse collegato al pianeta Venere e il Dio Maya associato Xux Ek.
[ Indice ▲ ]
≪≪≪ ◄► ≫≫≫

Fonte: Ancient History Encyclopedia Il contenuto è disponibile sotto licenza Creative Commons CC BY-SA 3.0

CONTENUTI CORRELATI ››