Passa ai contenuti principali

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi erano gli Unni

di Joshua J. Mark
clip_image001
Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della società romana, e loro varie incursioni e insurrezioni indebolito l'impero. Per citare un solo esempio, i Visigoti sotto Fritigerno furono scacciati nel territorio romano dagli Unni nel 376 CE e, dopo aver subito abusi di amministratori romani, rosa in rivolta, avviando la prima guerra gotica con Roma CE 376-382, in cui i Romani furono sconfitti e ucciso loro imperatore Valente, nella battaglia di Adrianopoli del 378 CE.
Gli Unni erano cavalieri esperti, che sembra essere uno con i loro destrieri; raramente visto smontato, portavano anche sui negoziati dal dorso dei loro cavalli.
Anche se gli Unni ordinariamente sono rappresentati come selvaggi e bestiale, soprattutto dagli antichi scrittori come Giordane (vi secolo) e Ammianus Marcellinus (IV secolo D.C.), Prisco di Panea (v secolo D.C.) raffigura li in una luce migliore. Prisco effettivamente incontrato Attila l'Unno, cenato con lui e rimase nell'insediamento Hun; la sua descrizione di Attila e il lifestyle Hun è uno dei meglio noti e certamente uno dei più lusinghieri. Sotto Attila (453-434 regnò CE) Unni divennero la forza militare più potente e più temuta, in Europa e portarono morte e devastazione ovunque andassero. Dopo la morte di Attila, tuttavia, i figli sono combattuti per la supremazia, sperperato le loro risorse, e l'impero che aveva costruito Attila è crollato da 469 CE.

Origini & Link con gli Xiongnu

Nel tentativo di individuare l'origine degli Unni, studiosi fin dal XVIII secolo CE hanno ipotizzato che possa essere stato il misterioso popolo Xiongnu che molestato i confini della Cina settentrionale, specialmente durante la dinastia Han (202 A.C.-220 D.C.). Come gli Unni, gli Xiongnu erano nomadi, montato guerrieri che erano particolarmente abili con l'arco e colpì senza preavviso. L'orientalista francese e studioso Joseph de Guignes (1721-1800 CE) proposta prima che gli Unni erano le stesse persone come gli Xiongnu e altri da allora hanno lavorato per trovare supporto per il suo reclamo o sostenuto contro di esso. In studiosi moderni non vi è consenso sul link Xiongnu-Hun, ma, in gran parte, è stata rifiutata per mancanza di prove. Lo storico Christopher Kelly interpreta il tentativo di collegare il Xiongnu con gli Unni come derivante da un desiderio di non solo individuare un locale definitivo per le origini degli Unni, ma anche per definire la lotta tra Roma e gli Unni come una battaglia tra l'ovest"nobile" e "Oriente barbarico". Kelly suggerisce come, "per alcuni scrittori, collegando gli Xiongnu e Unni era parte di un progetto più ampio della comprensione della storia dell'Europa come una lotta per preservare la civiltà contro una minaccia sempre presente orientale. Gli Unni erano un avvertimento dalla storia. Con le loro credenziali cinese stabiliti, loro attacchi contro l'impero romano poteva essere presentati come parte di un ciclo inevitabile del conflitto tra Oriente e Occidente"(43).
Kelly, citando altri studiosi per supporto, conclude che non esiste alcun motivo per collegare il Xiongnu con gli Unni e note che Guignes stava lavorando in un momento quando erano scarse testimonianze archeologiche su entrambi gli Xiongnu e Unni. Egli scrive:
Comprensione degli Xiongnu cambiata significativamente nel 1930 con la pubblicazione di manufatti in bronzo dal deserto Ordos, nella Mongolia interna, a ovest della grande muraglia. Questi hanno dimostrato che la differenza tra l'arte di Xiongnu e quello degli Unni. Non un oggetto trovato in Europa orientale, risalente al quarto e quinto secolo D.C. è decorato con splendidi animali stilizzati e creature mitiche che sono caratteristici del design Xiongnu (44).
Egli cita lo studioso Otto Maenchen-Helfen, che osservò:
I bronzi di Ordos sono state fatte da o per la [Xiongnu]. Noi potremmo controllare tutti gli elementi nell'inventario dei bronzi Ordos, e non saremmo in grado di segnalare un unico oggetto che potrebbe essere messo in parallelo da uno trovato in territorio occupato una volta dal Huns...Ci sono i ben noti motivi dell'animale in stile... non un singolo uno da quel ricco repertorio di motivi è mai stato trovato un oggetto degli Unni (44).
Kelly, con il sostegno degli altri, si conclude che il Kazakistan è il più probabile punto d'origine per gli Unni ma osserva che "è purtroppo impossibile suggerire qualcosa di più preciso" (45). Per gli antichi scrittori, tuttavia, discernere l'origine degli Unni era semplice: erano male bestie che erano emerse dal deserto a devastare civiltà. Ammiano non speculare sulla loro origine ma li descrive nella sua Storia di Roma:
La nazione degli Unni supera tutti gli altri barbari nella natura selvaggia della vita. E se [Unni] solo sopportare la somiglianza degli uomini (di un modello molto brutto), sono così poco avanzate in civiltà che essi fare nessun uso di fuoco, né alcun tipo di condimento, in preparazione del loro cibo, ma nutrirsi di radici che si trovano nei campi e carne cruda a metà di ogni sorta di animale. Dico mezza cruda, perché si danno una sorta di cottura, ponendola tra le proprie cosce e spalle dei loro cavalli. Quando attaccati, essi talvolta si impegnerà in regolare battaglia. Poi, andando in lotta in ordine di colonne, riempiono l'aria con grida di vario e discorde. Più spesso, tuttavia, che combattono in nessun ordine di battaglia regolare, ma essendo estremamente rapida e improvvisa nei loro movimenti, disperdere e poi rapidamente si incontrano nuovamente nella matrice sciolto, sviluppa il caos su vaste pianure, e sorvolano il bastione, saccheggiare l'accampamento del loro nemico quasi prima che egli è diventato consapevole del loro approccio. Esso deve essere di proprietà che sono i più terribili guerrieri perché combattono a distanza con armi missilistiche avendo affilato ossa mirabilmente fissato all'albero. Quando nel combattimento corpo a corpo con spade, combattono senza riguardo verso la propria sicurezza, e mentre loro nemico è intenti a parare la Spinta delle spade, gettano un netto su di lui e così intrappolare le membra che perde tutto il potere di camminare o cavalcare (XXXI.ii.1-9).
Giordane, invece, dedica ampio spazio all'origine degli Unni:
Apprendiamo da antiche tradizioni che la loro origine era come segue: Filimero, re dei Goti, figlio di Gadaric il grande, che era il quinto in successione per contenere la regola dei Geti, dopo la loro partenza dall'isola di Scandza trovato tra la sua gente certe streghe. Sospettando di queste donne, egli li espulse dal mezzo della sua razza e costretto a vagare in solitario esilio lontano dal suo esercito. Lì gli spiriti immondi, che li videro come hanno vagato attraverso il deserto, conferito loro abbracci su di loro e generò questa razza selvaggia, che dimorava in un primo momento nelle paludi, una tribù stentata, fallo e gracile, a malapena umana e non avendo nessuna lingua tranne uno che portava ma lieve somiglianza con linguaggio umano (85).
Unni, una volta che essi erano partoriti da queste streghe corrispondersi con demoni, poi "si stabilì sulla riva più lontana della palude Maeotic." Giordane va alla nota come "erano appassionati di caccia e non aveva alcuna abilità in qualsiasi altra arte. Dopo che essi avevano coltivato ad una nazione, hanno disturbato la pace della vicina gare di furti e rapine"(86). Sono entrati nella civiltà, quando uno dei loro cacciatori perseguiva il gioco sul lato più lontano della palude Maeotic e ho visto una cerva che li condusse attraverso la palude, "ora avanza e ancora in piedi ancora", che ha mostrato che la palude potrebbe essere attraversata mentre, prima, "essi avevano supposto [palude] era impraticabile come il mare" (86). Una volta che hanno raggiunto l'altro lato, scoprirono la terra di Scizia e, in quel momento, doe scomparso. Giordane continua:
Ora a mio parere, gli spiriti maligni, da cui discendono gli Unni, fatto questo da invidia degli Sciti. E gli Unni, che erano stato totalmente ignoranti che c'era un altro mondo oltre Maeotis, ora erano pieni di ammirazione per la terra di scita. Come sono stati veloci della mente, hanno creduto che questo percorso, assolutamente sconosciuto a qualsiasi età del passato, era stato rivelato divinamente a loro. Tornarono alla loro tribù, ha detto loro che cosa era accaduto, ha elogiato la Scizia e persuase il popolo di là si affrettano lungo la strada che avevano trovato dalla guida del doe. Come molti hanno catturata, quando entrarono così la Scizia per la prima volta, si sacrificavano alla vittoria. Il resto hanno conquistato e assoggettate a se stessi. Come un turbine di nazioni hanno spazzato tutto il grande palude (86).
Mentre la raffigurazione di Jordanes' degli Unni è evidentemente sbilanciata, sua osservazione del loro movimento "come un vortice" è coerente con le descrizioni di altri. Unni ordinariamente sono caratterizzati dalla mobilità e ferocia; hanno colpito senza preavviso e non osservata alcuna distinzione tra combattenti e non combattenti, uomini, donne o bambini. Una volta che avevano attraversato la palude e conquistò la Scizia, non ci sembrava di fermarli.

L'Unni & i primi contatti con Roma

La velocità con cui gli Unni si trasferì e il loro successo in battaglia, è meglio illustrato nella loro conquista della regione che comprende Ungheria al giorno d'oggi. Nel 370 CE hanno conquistato gli Alani e, da 376 CE, aveva guidato i Visigoti sotto Fritigerno in territorio romano e quelli sotto la guida di Atanarico alla Caucalands di c. 379 CE. Gli Unni hanno continuato la loro invasione della regione e, come scrive lo storico Herwig Wolfram, citando la fonte antica di Ambrose, caos questo causato era diffuso: "Unni caddero sugli Alani, gli Alani contro i Goti ed i Goti contro [la tribù di] i Taifali ed i Sarmati" (73). Molte di queste tribù, oltre ai Goti, cercò rifugio in territorio romano e, quando fu negato, essi si incaricarono di trovare un modo in a fuggire dagli Unni.
Tra il 395-398, gli Unni invasero i territori romani della Tracia e della Siria, distruggendo città e campi coltivati nelle loro incursioni, ma non mostrando alcun interesse a stabilirsi nelle regioni. In questo stesso momento, c'erano gli Unni che servivano nell'esercito romano, come Foederati e insediamenti Hun erano stati approvati da Roma in Pannonia. L'apparente discrepanza in Unni essendo alleati e nemici di Roma è risolto quando si capisce che, in questo momento, gli Unni erano sotto nessun leader centrale. All'interno della tribù nel suo complesso, sembra, sub-tribù o fazioni, cui ciascuno, seguivano un proprio capo. Per questo motivo, spesso è difficile determinare quali erano gli obiettivi generali di Hun in questo momento diverso da quello, come note di Giordane, "furti e rapine".
Gli Unni invasero i territori romani della Tracia e della Siria, distruggendo città e campi coltivati nelle loro incursioni; allo stesso tempo alcuni Unni servito nell'esercito romano.
Loro pressione sulle circostanti tribù e su Roma, ha continuato come hanno fatto irruzione a volontà e senza ritegno. Wolfram, citando i Goti sotto Atanarico, ad esempio, scrive, "i Tervingi non avevano alcuna speranza di sopravvivere in una terra devastata che potrebbe distruggere un nuovo tipo di nemico a volontà, praticamente senza preavviso. Nessuno sapeva come difendersi contro gli Unni"(72). Questo paradigma stesso tenuto per tutte le tribù di persone che vivevano nelle regioni di là dei confini romani. Nel dicembre del 406 CE, i Vandali attraversarono il Reno ghiacciato e invase la Gallia per sfuggire dagli Unni e portato i resti di molte altre tribù insieme a loro. I Romani non ha avuto migliore fortuna nel respingere gli attacchi degli Unni rispetto a qualsiasi altro popolo. Nel 408 CE il capo di un gruppo di Unni, Uldin, completamente saccheggiata la Tracia e, come Roma potrebbe fare nulla per fermarli militarmente, hanno cercato di pagare loro per la pace. Uldin, tuttavia, ha richiesto un prezzo troppo alto, e così i Romani optato per comprare i suoi subalterni. Questo metodo di mantenimento della pace ha avuto successo e sarebbe diventata da allora in poi la pratica preferita per i Romani nel trattare con gli Unni.
Non sorprende che il Romans ha scelto di pagare fuori gli Unni per la pace piuttosto che affrontarli sul campo. Per sottolineare la descrizione di Ammiano Marcellino tattiche di Hun in guerra, già citata: "combattono in nessun ordine di battaglia regolare, ma essendo estremamente rapida e improvvisa nei loro movimenti, disperdere e poi rapidamente si incontrano nuovamente nella matrice sciolto, sviluppa il caos su vaste pianure, e sorvolano il bastione, saccheggiare l'accampamento del loro nemico quasi prima che egli è diventato consapevole del loro approccio." Essi erano esperti cavalieri, descritti come apparente di essere uno con i loro destrieri; essi erano raramente visto smontato e trasportato anche sui negoziati dal dorso dei loro cavalli. Né i Romani né le tribù barbariche cosiddetto avevano mai incontrato un esercito come gli Unni. Essi sembravano sono stati allevati per la guerra montato e utilizzato la prua con grande effetto. Lo storico ed ex US Army il tenente colonnello Michael Lee Lanning descrive l'esercito Unno questa convenzione:
Soldati hun vestita in strati di pelle pesante unta con applicazioni liberale di grassi animali, rendendo il loro vestito di battaglia elastica e resistente a pioggia. Caschi rivestiti in pelle, foderato in acciaio e catena posta intorno a loro il collo e le spalle ulteriormente protetti i cavalleggeri Hun da frecce e colpi di spada. I guerrieri Hun indossavano stivali di pelle morbida che erano eccellenti per l'equitazione ma abbastanza inutile per la corsa a piedi. Questo adatta i soldati, poiché erano molto più confortevole in sella rispetto al suolo (62).
Loro capacità di apparire dal nulla, attacco come un turbine e svanire le rendeva incredibilmente pericolosi avversari che sembravano impossibili da sconfiggere o difendersi. L'Unno fighting force, già formidabile, diventerebbe più così con la loro unificazione sotto il più famoso degli Unni: Attila.

Il co-Regno di Attila e Bleda

Di 430 CE, un capo di Hun chiamato Rua era noto ai Romani come re degli Unni. Non è noto se egli in realtà regnò su tutti gli Unni o semplicemente la fazione più grande. Alcuni studiosi, come Mladjov, rivendicare un re degli Unni, denominato Balamber ha avviato una dinastia e fu nonno di Rua mentre altri, come il Sinor, sostengono che Balamber era solo il capo di un sotto insieme, o fazione, degli Unni o non può mai esistito affatto. Se sono accettati reclami di Mladjov, poi Rua era re degli Unni tutti, ma questo sembra improbabile, poiché non esiste alcuna prova dell'unità al momento stava conducendo sue incursioni. Rua aveva due nipoti, Attila e Bleda (noto anche come Buda) e, quando egli morì sulla campagna in 433 CE, i due fratelli gli succedette e governato congiuntamente. Attila e Bleda insieme negoziato il trattato di Margus con Roma nel 439 CE. Questo trattato ha continuato il precedente di Roma pagando gli Unni in cambio di pace, che sarebbe una stipulazione più o meno costante nei rapporti Romano-Hun fino alla morte di Attila. Una volta che il trattato è stato concluso, i Romani erano in grado di ritirare le loro truppe dalla regione del Danubio e mandarli contro i Vandali che stavano minacciando le province di Roma in Sicilia e Nord Africa. Unni rivolto la loro attenzione est dopo il trattato di Margus e guerreggiato contro i Sasanidi ma furono respinti e cacciati indietro verso la grande pianura ungherese, che era la loro base.
clip_image002
Impero di Attila l'Unno
Con le truppe romane che custodivano una volta il confine ora distribuito in Sicilia, Unni vide un'opportunità per facile bottino. Kelly scrive, "appena Attila e Bleda ricevuto intelligenza affidabile che la flotta aveva lasciato per la Sicilia, hanno aperto il loro offensiva del Danubio" (122). Nell'estate del 441 CE, Attila e Bleda guidato i loro eserciti attraverso le regioni di confine e saccheggiò le città della provincia romana dell'Illirico, che erano centri di commercio romano molto vantaggioso. Essi poi ulteriormente violato il trattato di Margus in sella a quella città e distruggendola. L'imperatore romano Teodosio II (401-450 D.C.) ha poi dichiarato il trattato rotto e ha ricordato i suoi eserciti dalle province per fermare la furia di Hun.
Attila e Bleda ha risposto con un'invasione su larga scala, saccheggiando e distruggendo le città romane di tutti il modo per entro 20 miglia della capitale romana di Costantinopoli. La città di Naissus, luogo di nascita dell'imperatore Costantino il grande, fu rasa al suolo e non vuoi essere ricostruito un secolo dopo. Unni avevano imparato molto circa siege warfare dal loro tempo al servizio dell'esercito romano e sapientemente mettere questa conoscenza per utilizzare, spazzando letteralmente intere città, come ad esempio Naissus, fuori la mappa. Loro offensiva era più successo perché era completamente inaspettato. Teodosio II era stato così fiducioso che gli Unni manterrebbe il trattato che ha rifiutato di ascoltare qualsiasi Consiglio che suggerisce altrimenti. Commento di Lanning su questo, scrivendo:
Attila e suo fratello con valori di accordi poco e pace anche meno. Immediatamente su assumendo il trono, essi ripresero l'offensiva contro Roma e chiunque altro Unno che si trovava nel loro modo. Nei prossimi dieci anni, gli Unni invasero il territorio che oggi comprende Italia, Grecia, Spagna e Ungheria. Attila inviato ricchezze acquisite rientro in patria e arruolato soldati nel suo esercito mentre spesso brucia le città di superamento e uccidendo i loro occupanti civili. Guerra ha dimostrato redditizio per gli Unni ma ricchezza apparentemente non era il loro unico obiettivo. Attila e il suo esercito sembrava veramente godere la guerra, i rigori e ricompense della vita militare erano più attraente a loro di allevamento o frequentando il bestiame (61).
Teodosio II, rendendosi conto che egli è stato sconfitto, ma non volendo ammettere la sconfitta totale, ha chiesto per i termini; la somma di che Roma ora ha dovuto pagare per mantenere gli Unni di ulteriore distruzione era più che triplicata. Nel 445, CE Bleda scompare dal record storico e Kelly cita Prisco di Panea su questo: "Bleda, re degli Unni, fu assassinato a seguito le trame del fratello Attila" (129). Altre fonti sembrano indicare che Bleda fu ucciso in campagna ma, Prisco è considerato la fonte più affidabile, è generalmente accettato che Attila aveva lui assassinato. Attila divenne l'unico sovrano di Unni e comandante della forza di combattimento più potente in Europa.

Regno di Attila

Lo storico Will Durant (seguendo le descrizioni da antichi conti come quelli di Prisco) scrive di Attila:
Ha differito da altri conquistatori barbari nel fidarsi di astuzia più che alla forza. Egli governò utilizzando le superstizioni pagane del suo popolo per santificare la sua Maestà; le sue vittorie sono state preparate dalle storie esagerate della sua crudeltà che forse aveva lo stesso ha avuto origine; finalmente anche suoi nemici cristiani lo chiamavano il "flagello di Dio" e sono stati così terrorizzati dalla sua astuzia che solo i Goti potrebbero salvarli. Egli poteva né leggere né scrivere, ma questo non sminuire la sua intelligenza. Egli non era un selvaggio; aveva un senso dell'onore e della giustizia e spesso si dimostrò più magnanimo di romani. Egli visse e vestita semplicemente, mangiato e bevuto moderatamente e lusso ha lasciato ai suoi inferiori, che amava per visualizzare i loro utensili d'oro e d'argento, imbracatura e spade, e il delicato ricamo che attesta le abili dita delle loro mogli. Attila aveva molte mogli, ma disprezzato quel miscuglio di monogamia e dissolutezza che era popolare in alcuni circoli di Ravenna e Roma. Il suo palazzo era un enorme respirerá pavimentato con pareti con Tavole piallate, ma ornata di legno finemente intagliato o lucidato e rinforzato con tappeti e pelli per tenere fuori il freddo (39).
Raffigurazione di Prisco di Attila, che ha incontrato mentre su una missione diplomatica per l'Impero d'Oriente in 448/449 CE, lo ritrae come un leader attento e sobrio, che era molto rispettato dal suo popolo e, in contrasto con il lusso di governanti romani, semplicemente vissuto. Prisco descrive la sua cena con Attila come un affare cortese in cui Attila è stato mai visto di indulgere eccessivamente:
Quando tutti erano disposti in ordine un coppiere si avvicinò e Attila ha offerto una Coppa di legno di edera di vino. Egli ha preso e ha salutato il primo in classifica, e quello onorato dal saluto che si alzò. Non era giusto per lui a sedersi fino a quando il re aveva neanche assaggiato il vino o ubriaco fino e aveva dato la Coppa torna al coppiere. Tutti i presenti lo onorò nello stesso modo come lui è rimasto seduto, prendendo le tazze e, dopo un saluto, loro degustazione. Ogni ospite ha avuto suo coppiere che doveva farsi avanti in ordine quando il coppiere di Attila si ritirò. Dopo il secondo uomo era stato onorato e gli altri in ordine, Attila ci salutò anche con lo stesso rituale secondo l'ordine delle sedi. Quando tutto era stato onorato di questo saluto i coppiere uscirono, e sono stati istituiti tavoli per tre o quattro o più uomini accanto a quella di Attila. Da questi ognuno ha potuto prender parte delle cose immessi sul suo piatto senza lasciare l'originale disposizione delle sedie. Servo di Attila fu il primo ad entrare, recanti un piatto pieno di carne e poi i servi che hanno aspettato il resto messo pane e vivande sui tavoli. Mentre il cibo sontuoso era stato preparato — serviti su piatti d'argento — per altri barbari e per noi; per Attila non c'era nulla, ma la carne su un legno trencher. Si mostrò temperato in tutti gli altri modi troppo, per calici d'oro e d'argento sono stati offerti agli uomini alla festa, ma la sua tazza era di legno. Il suo vestito era troppo semplice, avendo cura per niente altro che di essere pulito, né era la spada dal suo lato, né le fibbie dei suoi stivali barbaro, né la briglia del suo cavallo, come quelli di altri Sciti, ornata con oro o gemme o niente del prezzo elevato (frammento 8).
Kelly osserva che lettori romani 'Priscus sarebbe stata aspettandosi un ritratto molto diverso del "flagello di Dio" e sarebbe hanno contrapposto Descrizione 'Priscus contro ciò che sapevano di eccesso romana. Kelly scrive, "per quasi cinquecento secoli, fin dal primo imperatore romano Augusto, comportamento banchetti era stato una delle misure morale di un sovrano" e note come "assenza di ubriachezza, golosità ed eccesso sarebbe stata più colpisce [in conto di Prisco]. Comportamento di Attila visualizzata una certa moderazione e moderazione che favorevole potrebbe essere paragonato a quello dei migliori degli imperatori"(198). Anche se Attila potrebbe essere trattenuta e cortese in un ambiente domestico, sul campo di battaglia era inarrestabile.
Tra il 445-451, Attila l'Unno ha portato suoi eserciti su numerose incursioni e campagne di successo, gli abitanti delle regioni di macellazione e lasciando una fascia di distruzione nella sua scia. Nel 451 CE egli incontrò il generale romano Flavius Aetius (391-454 CE) e il suo alleato Teodorico I di Visigoti (418-451 regnò CE) nella battaglia delle pianure di Cataluanian (noto anche come la battaglia di Chalons) dove è stato sconfitto per la prima volta. Nel 452 CE invase l'Italia e fu responsabile della creazione della città di Venezia, in quanto gli abitanti delle città e cittadine fuggirono in paludi per sicurezza ed eventualmente costruito case là. Sua campagna italiana era no più successo di sua invasione della Gallia, e tornò nuovamente alla sua base la grande pianura ungherese.
clip_image003
Attila l'Unno

Morte e la dissoluzione dell'impero unno di Attila

Da 452 D.C., l'impero di Attila si estendeva dalle regioni della Russia odierna giù attraverso l'Ungheria e in tutta la Germania alla Francia. Ha ricevuto regolari tributi da Roma e, infatti, è stato pagato uno stipendio come un generale romano, anche se era razziare i territori romani e distruggendo le città romane. Nel 453 CE Attila sposò una giovane donna di nome Ildico e ha celebrato la sua prima notte di nozze, secondo Prisco, con troppo vino. Giordane, seguendo la relazione 'Priscus, descrive la morte di Attila:
Lui stesso aveva dato fino a gioia eccessiva al suo matrimonio, e come egli giaceva sulla schiena, pesante con il vino e il sonno, una corsa del sangue superfluo, che avrebbe ordinariamente hanno fluito dal naso, in streaming in corso mortale giù la sua gola e lo uccise, dato che esso è stato ostacolato nei passaggi usuali. Così ha fatto ubriachezza mettere una fine vergognosa per un re famoso in guerra (123).
L'intero esercito cadde in intenso dolore per la perdita del loro leader. Cavalieri di Attila imbrattato i loro volti con sangue e cavalcarono lentamente, in un cerchio continuo, intorno alla tenda che ha tenuto il suo corpo. Kelly descrive all'indomani della morte di Attila:
Secondo lo storico romano Prisco di Panea, [gli uomini dell'esercito] avevano tagliato i capelli lunghi e ridotto le loro guance "in modo che il più grande di tutti i guerrieri dovrebbe essere pianto non con le lacrime o il pianto delle donne, ma con il sangue degli uomini." Poi seguì un giorno di dolore, di festa e giochi funebri; una combinazione di celebrazione e lamenti che ha avuto una lunga storia nel mondo antico. Quella notte, ben oltre le frontiere dell'Impero romano, Attila fu sepolto. Il suo corpo era racchiuso in tre bare; più interno rivestito in oro, un secondo in argento e un terzo in ferro. L'oro e l'argento simboleggiato il saccheggio che Attila aveva grippato mentre il duro ferro grigio ha ricordato le sue vittorie in guerra (6).
Secondo la leggenda, un fiume fu poi deviato, Attila sepolto nel letto del fiume e le acque poi rilasciato a scorrere su di esso che copre il posto. Coloro che avevano preso parte al funerale furono uccisi affinché il luogo di sepoltura non potrebbe mai essere rivelato. Secondo Kelly, "questi, troppo, erano morti d'onore", in quanto erano parte degli onori funebri per il grande guerriero che aveva portato i suoi seguaci finora e compiuto tanto per loro.
Una volta che i suoi servizi funebri sono stati conclusi, suo impero fu diviso tra i suoi tre figli Ellac, Dengizich e guidò. Attila comandando la presenza e la temibile reputazione aveva suddiviso l'impero e, senza di lui, ha cominciato a dissolversi. I tre fratelli si sono combattuti per i propri interessi migliori invece di mettere in primo luogo gli interessi dell'Impero. Ogni fratello ha sostenuto una regione e le persone in essa, come proprie e, come scrive Giordane, "quando Ardaric, re del Gepidi, imparato questo, egli si arrabbiò perché così tante nazioni stavano curandi come schiavi della condizione più vile e fu il primo a salire contro i figli di Attila" (125). Ardaric sconfisse gli Unni alla battaglia di Nedao nel 454 CE in cui Ellac venne ucciso.
Dopo questo impegno, altre nazioni si staccò dal controllo degli Unni. Note di Giordane che, da di Ardaric rivolta, "ha liberato non solo la propria tribù, ma tutti gli altri che erano ugualmente oppressi" (125). Dissolto l'impero degli Unni, e la gente era assorbita le culture di coloro che precedentemente aveva regnato sopra. Rappresaglie per torti precedenti sembrano sono stati effettuati, come dimostra la strage di Goth degli Unni di Pannonia dopo l'impero era caduto. Dopo l'anno 469 D.C. c'è non più alcuna menzione delle campagne degli Unni, insediamenti, né qualsiasi attività che li riguardano a tutti come il formidabile esercito erano stati. A parte i confronti di antico storico tra Unni e la coalizione successiva degli Avari, dopo 469 CE ci sono solo le storie di massacri, incursioni e il terrore Unni ispirati negli anni prima della morte del loro più grande re.

Scritto da Joshua J. Mark, pubblicato il 14 dicembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Ammiano Marcellino. Ammiano Marcellino. Pressa dell'Università di Harvard, 1950.
  • Durant, w. età di fede. Simon & Schuster, 1980.
  • Data, J. storia frammentaria di Prisco. Arx Pub, 2014.
  • Kelly, c. la fine dell'impero & la caduta di Roma. W. W. Norton & Company, 2010.
  • Lanning, M.L. i 100 più grandi capi militari di tutti i tempi. Robinson Publishing, LTD, Londra, 1997.
  • Mierow, C.C. storia gotica di Giordane. Evoluzione Publishing, 2006.
  • Wolfram, H., storia dei Goti. Pressa dell'Università della California, 1990.

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…